Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘politica’ Category

Asini Italiani 2

La prima volta è successo il putiferio. Un popolo in subbuglio. Dissi che gli italiani sono un popolo di asini, con il dovuto rispetto degli asini. Tutti sul piede di guerra ad invocare l’italianissima dignità e maestosità.

Ma quando leggo i giornali, quando ascolto la radio, non posso fare altro che convincermi che la mia considerazione non era sbagliata. Che quanto dicevo non era solo uno sfogo, un tentativo per provocare qualche lettore più sensibile, ma una realtà concreta.

Siamo sotto assedio. Siamo gli unici a vivere in un paese in cui la verità non esiste. Non ci sono giornali, non c’è il diritto, non c’è il popolo.

In nessun paese del mondo, a parte i paesi sotto dittatura, potrebbe succedere quello che succede da noi. La classe politica emana leggi a suo piacimento e nessuno batte ciglio. Si avvicina l’estate, si avvicina la vacanza e quando l’asino deve andare a vacanza…. cascasse il mondo!

Il lodo Alfano, le intercettazioni eliminate, i processi bloccati, le leggi razziali. Ieri mi chiedevo, ma la comunità europea dove cazzo sta? Perchè non interviene, perchè non ferma questi pazzi furiosi?

Ma prima di tutto, il popolo dove cazzo sta? L’opposizione dove cazzo sta? La dignità di dire di no, dove cazzo sta?

Siamo asini senza speranza. Vogliamo sicurezza ma blocchiamo i processi, vogliamo che la legge sia rispettata e votiamo chi la legge la gestisce a suo piacimento. Ci lamentiamo di subire soprusi dalla politica ladrona ma davanti all’opportunità non diciamo mai di no.

Aveva ragione qualche giorno fa qualcuno che commentava “quanti Berlusconi ci sono in ognuno di noi”. Siamo asini perchè vogliamo esserlo, ma vogliamo che nessuno ce lo dica!

Adt

Annunci

Read Full Post »

L’immunità, che male fa!

Domani si voterà per l’approvazione del Lodo Alfano, con cui si garantisce l’immunità alle quattro più alte cariche dello Stato. La gente sta a guardare, anzi non guarda neanche più. Sembra ci sia ottimismo in giro. Nessuno più parla di politica. Almeno tra le persone che mi stanno attorno. Nessuno più si desta dinanzi a fatti sconvolgenti come, appunto il lodo Alfano, il blocco delle intercettazioni, il blocco dei processi. Qualcuno dice che le cose vanno bene. Che qualche ministro qualcosa la sta facendo. Su questo non c’è dubbio ma a poco serve curare la febbre ad un malato terminale.

SI chiama deficit di democrazia. Un solo uomo che sta piegando un’intera Nazione. I più duri dicono che chi si lamenta è comunista, no global disfattista etc… Ma non sanno quello di cui stanno parlando.

Siamo al paradosso kafkiano. Ci stiamo sgretolando, ne siamo consapevoli ma non facciamo nulla. Anzi, meglio di un paradosso kafkiano, riusciamo a trovare un ottimismo inopportuno. Che mi spiazza.

Un solo uomo dicevo che in campagna elettorale dava del santo ad un mafioso ed oggi definisce la magistratura “cancro della democrazia”. Un uomo colpevole ma prescritto. Un uomo che distrugge tutto quello che può incastrarlo che blocca ogni meccanismo giuridico a suo sfavore.

Come si può rispettare la legge in uno stato dove il primo che non la rispetta è il capo del governo?

E’ questa la domanda a cui cerco risposta! Ma nessuno sa dirmi nulla. Tutto va bene dicono! Ma non lo vedi che qualcosa lo stanno facendo!!!

Se si fosse candidato Sandokan (quello di Casal di Principe, non quello della Malesia) che in cambio di impunità avesse proposto leggine populiste, sarebbe stato lo stesso. Ma almeno saremmo stati tutti d’accordo sulla scarsa propensione al rispetto delle regole di chi ci governa.

Adt

Read Full Post »

No comments

Intercettazioni eliminate, Alitalia quasi finita, esercito per le strade, varie leggi ad personam, moratorie e critiche dalla Comunità Europea…

Sono passati solo 2 mesi.
Ma bisogna aspettare la fine del mandato!!!!!!

Contenti Voi.

PS. però pensandoci, se avesse vinto la sinistra saremmo stati tanto meglio? Credo proprio di no!

Dio salvi l’Italia!!!!

Adt.

Read Full Post »

La Cazzata dell’anno

E’ con emozione che questo blog assegna il premio “Cazzata dell’anno” all’ On. Gasaparri del Popolo delle libertà. Ci era arrivato vicino con la legge sulle telecomunicazioni, ma questa volta ha sbaragliato tutti! Pronunciando questa frase ad un giornalista del Corriere della sera, interpellato in merito all’uso dei militari nelle città italiane, note per l’elevatissimo grado di rischio-criminalità, ha strappato il premio di mano agli inseguitori:

“chi non vuole l’esercito vuole in realtà mafiosi e camorristi”.

Forse nessuno ha spiegato a Gasparri che i mafiosi migliori stanno al parlamento. Gli siedono a fianco e gli stringono la mano tutti i giorni.

Antonio Di Tucci

Read Full Post »

Irresponsabili o incompetenti?

Quando Berlusconi ha vinto le elezioni, lo scorso 13 aprile, tutti hanno detto che era ora di stare zitti, di lasciar fare, di aspettare la fine del mandato per tirare le somme. Ma secondo una veloce valutazione fatta in questi 3 mesi, , se continuiamo così, alla fine del mandato non ci arriveremo…

Credo che questo breve periodo sia abbastanza per poter chiedere a questi signori di tornare a casa.
Io non capisco se Berlusconi è più irresponsabile o incompetente. E ancor di più non comprendo se la gente che l’ha votato sia più irresponsabile o incompetente. Mi direte che non si poteva votare PD e vi do ragione, ma qualcuno riesce a comprendere l’entità dei danni che quest’uomo sta facendo?
Sta avviando una politica energetica che parte in ritardo di 20 anni rispetto all’Europa, con strumenti che 20 anni fa erano già vecchi. Poi sta regalando altri 300 milioni di euro ad Alitalia. Una compagnia aerea mandata la macero dai grandi manager che solo l’italia sa dare. In campagna elettorale ha cacciato Air France per fare la cordata e oggi si scopre che l’unica cordata l’abbiamo presa noi, in faccia, pagando con le tasse che dovrebbero servire ai nostri figli per farsi un futuro una compagnia in perdita. Aveva mille idee Silvio prima delle elezioni, dove sono? Neanche l’Aeroflot, la compagnia con il più alto numero di aerei precipitati ci ha voluto (io con Aeroflot ho volato 4 volte…DIO MIO!). Ed è qui che ci si pone la domanda: Irresponsabile o incompetente? Sta facendo chiudere una compagnia aerea perchè incapace o perchè vuole fare il duro e non mollare, sperando di trovare presto l’ispirazionie? …O forse sta facendo svalutare il titolo in borsa e deprezzare il valore dell’azienda per farla comprare a qualche fidato amico, dopo avergli pagato i debiti con i nostri soldi?
E la legge sulle intercettazioni? Degna di un modo di fare da chi della democrazia non ha alcun rispetto. Ed alcuna congnizione. Una legge come questa non fa altro che legittimare comportamenti illeciti. Chi vuole far rispettare la legge e ordina le intercettazioni va dentro per 5 anni e chi i reati li commette può farlo senza essere spiato. Ma se qualcuno non ha nulla da nascondere perchè non dovrebbe essere intercettato? La privacy? E’ imbarazzante questa risposta!

Ed ancora l’ICI che per toglierla di mezzo sembra abbia tagliato spese alle infrastrutture (a quelle che servono, mica al ponte!!!). La fila è lunga e lo spazio è poco…per ora mi fermo qui.
Non riesco a togliermi dalla testa che il modo di fare di questi signori sta cambiando la nostra società in peggio. False promesse, elogio dei mafiosi e tanta gente che non si accorge di nulla. Che crede che questa sia la strada giusta, forse perchè non ha più nulla in cui credere e perchè non sa più cosa significhi vivere in uno stato civile.

Vi lascio una frase di Indro Montanelli, uno degli ultimi intellettuali di questo paese che si permette il lusso di metterli al bando, gli intellettuali.

“La scoperta che c’è un’Italia berlusconiana mi colpisce molto: è la peggiore delle Italie che io ho mai visto, e dire che di Italie brutte nella mia lunga vita ne ho viste moltissime. L’Italia della marcia su Roma, becera e violenta, animata però forse anche da belle speranze. L’Italia del 25 luglio, l’Italia dell’8 settembre, e anche l’Italia di piazzale Loreto, animata dalla voglia di vendetta. Però la volgarità, la bassezza di questa Italia qui non l’avevo vista né sentita mai. Il berlusconismo è veramente la feccia che risale il pozzo”. (dall’intervista a Montanelli di Laura Laurenzi, 26 marzo 2001)

Antonio Di Tucci

Read Full Post »

Sembra l’abbiano sgamato a giustinofortunato! E come per magia, il parco ha pubblicato sul suo sito il bando di concorso! Sembra che qualche amministratore, tra i pochi coraggiosi rimasti, abbia sollecitato tutti i sindaci dell’area ed abbia promesso ferro e fuoco se non verrà prorogata la data di chiusura del bando….

Vi terrò informati sulle avventure di GIUSTINOFORTUNATO. Alla prossima avvincente puntata!

Antonio Di Tucci

Read Full Post »

Giustino Fortunato è un ragazzo fortunato…se non sbaglio così cantava una canzone di Jovanotti molto famosa. Ed è fortunato davvero! Pensate, è stato incaricato da Parco Regionale del Matese di gestire, dal suo sito, il bando di concorso per partecipare al corso di guida turistica del Parco. Davvero fico no!!!!

Devo ammettere che la cosa sembra un pò strana, ma sono sicuro che qualcuno saprà dirmi perchè. Credo sia giusto che quando un Istituzione come il Parco emette un bando, dovrebbe pubblicarlo sul SUO sito e non su quello di sconosciuti Giustini Fortunati, altrimenti io che voglio fare la guida turistica del Parco, come faccio a sapere che c’è un concorso?

Non ci credete? Andate sul sito di giustino (indicato nel titolo) e guardate a sinistra. E se siete interessati scaricate il modulo ed iscrivetevi. E’ richiesto qualche titolo preferenziale. E’ un’ottima possibilità di occupazione in un posto in cui lavoro ce n’è poco. Addirittura il corso paga le ore di formazione 2,5€ all’ora. Ma attenzione, il bando scade lunedì, quindi affrettatevi!!!!

Adesso veniamo a noi.

Giustino

ma insomma, il Parco è una cosa nostra, dei cittadini matesini, perchè vuoi fare tutto a nostra insaputa? E poi, perchè il corso lo fai a Caserta? Potresti farlo qui, nella sede del Parco, in modo da rendere più accessibile la cosa ai giovani del Matese. Ti spiego una cosa: quando è stato istituito il Parco, la volontà era quella di creare anche occupazione. Adesso, se queste possibilità di lavorare le dai agli altri a noi che resta?

E poi, come pensavi che saremmo venuti a sapere della cosa? Ma non è che ci volevi fare una sorpresa?

Ti abbracciamo forte forte

Antonio Di Tucci abitante del Parco

Read Full Post »

Older Posts »